Colloquidilavoro.it - Il lavoro è sempre vicino a te!

Stop ai biocarburanti

Pubblicato il 21/06/2012 alle 20:00

ActionAid – ONG impegnata da oltre 30 anni a fianco delle comunità del Sud del mondo contro la povertà e l’esclusione sociale – lancia un allarme: sempre più campi del Sud del mondo vengono spazzati via ogni giorno per far posto a produzioni intensive destinate a diventare biocarburanti, con conseguenze nefaste per milioni di persone.

Attraverso la campagna ‘AZIONE BIOCARBURANTI‘ l’organizzazione ActionAid intende fermare tutte le politiche del governo italiano a favore dei biocarburanti, facendo luce sulle ripercussioni negative della produzione di biocarburanti, che sono di gran lunga superiori ai presunti benefici climatici, invitando a firmare una PETIZIONE ONLINE.

ActionAid è già intervenuta in Kenia, Tanzania ed India a difesa delle popolazioni che si vedono sottrarre le loro terre per essere trasformate in coltivazioni di biocarburanti, ma molti altri territori sono interessati da questo fenomeno che aggrava la crisi alimentare.

Ad oggi la direttiva europea 2009/28/CE RED, fissa come obiettivo minimo entro il 2020, il raggiungimento del 20% di energia proveniente da fonti rinnovabili sul totale dell’energia consumata e del 10% nel solo settore trasporti e quindi attraverso i biocarburanti.

Il governo europeo e quello italiano vogliono far credere che sostituendo il petrolio con i carburanti prodotti da materiale vegetale (biodiesel, bioetanolo e biogas), si possa ridurre l’emissione di gas serra. Ma diversi studi dimostrano l’esatto contrario, ovvero che i biocarburanti non solo non fanno diminuire la Co2 ma aggravano il già drammatico problema della fame nel mondo.

Se da un lato le piante utilizzate per produrre i biocarburanti assorbono anidride carbonica durante la loro coltivazione e le emissioni nocive prodotte sono senz’altro inferiori, dall’altro lato considerando l’energia utilizzata lungo tutta la filiera dei biocarburanti, la riduzione delle emissioni complessive rispetto al carburante di origine fossile è molto variabile e può essere anche solo del 10%.

Si stima che per soddisfare l’odierna domanda mondiale di biocarburanti sia necessario utilizzare oltre 100 milioni di ettari di terreno agricolo, pressappoco il 7% di tutto il terreno arabile e quello occupato da colture permanenti del pianeta. La scarsità di terre arabili spinge le nazioni industrializzate a rivolgersi ai paesi poveri per trovare nuovo suolo coltivabile. Per produrre più biocarburante, vengono sottratte superfici alle foreste, alla vegetazione e alle colture alimentari, togliendo cibo alle popolazioni e mettendo a rischio la protezione dei contadini poveri, la promozione dello sviluppo rurale e la sicurezza alimentare mondiale.

Fonte: Blog Ecologia



Articoli correlati

La green economy italiana è fra le migliori in Europa

Click Video Corsi Cibo contaminato? Per scoprirlo basta un selfie con lo smartphone!

Il vero business è la tecnologia sostenibile

L'acqua e la sua forza

Che cosa sono le energie alternative?

Smart annuncia per il 2014 il lancio del suo scooter elettrico

Tecnologia da indossare: per ricaricare il cellulare basterà una t-shirt

Motori benzina o Diesel: quale inquina di meno?

Eco e tecnologia: due parole che uniscono Nokia Siemens Networks a Telecom Italia

Automobili ibride - Le domande più frequenti




In evidenza