Colloquidilavoro.it - Il lavoro è sempre vicino a te!

‘A pigna, casatiello dolce del Titerno

Pubblicato il 15/04/2017 alle 22:40

La pigna è l’alternativa titernina al classico casatiello dolce. E’ questo il tipico dolce pasquale che viene ancora preparato soprattutto dalle brave massaie che abitano nelle contrade montane a confine tra i territori di Cerreto Sannita, Cusano Mutri e Pietraroja.

La grande particolarità sta nel fatto che ancora oggi le donne di Cerreto Sannita preparano questo dolce per offrirlo la mattina di Pasqua ai futuri mariti: in molti casi la consegna di questo dono pasquale segna l’ufficialità del fidanzamento. Ecco perché c’è l’usanza di “abbellire” questo dolce con un’attenta decorazione, spesso usando anche nastri colorati e, in tempi più moderni, uova di cioccolato. Grandezza del dolce, decorazione e bontà del prodotto servono ancora oggi a valutare le capacità culinarie, e non solo, della sposa.

Come il casatiello, la pigna richiede un lungo processo di preparazione, dovuto soprattutto alla particolare lievitazione.

Per preparare le sue pigne, si parte dal lievito madre a cui aggiunge 1 uovo. Dopo aver impastato con particolare vigore, lasciare a riposare per un’intera notte. Il giorno dopo a 300 grammi di questo “lievito” aggiungere 1 chilogrammo di farina, 300 grammi di zucchero, 250 grammi di strutto, 12 uova, scorza di arancia e limone grattugiata, scorza di arancia e cedro, con una bella dose di rum e liquore Strega, il compagno ideale per tutti i dolci sanniti.

Dopo una lunga ed energica fase di impasto si pone il tutto in una teglia tonda unta sempre con lo strutto e si attende l’ennesima lievitazione, quella più importante, visto che l’impasto dovrà raggiunge l’orlo della teglia.  La fase di attesa è lunghissima ed arriva a durare anche un giorno intero, in ambiente che viene protetto in caso di clima più fresco anche con coperte di lana. Quando questa fase sarà terminata la pigna finisce in forno, a 170°, con il periodo di cottura che varia da una mezzora all’ora intera, a secondo del volume del dolce.

A questo punto entra in gioco la fantasia per l’abbellimento del dolce.

Autore: Pasquale Carlo



Articoli correlati

"Ooho!", l'acqua del futuro la berremo così

WineLeather, la nuova pelle vegetale che nasce dal vino

Taralli di San Lorenzello

Pizza n'coppa a teula

10 modi intelligenti di riutilizzare le bucce IN CUCINA

Alcune domande (e risposte) sui prodotti biologici!

Gelati fai da te

FUNGHI SHIITAKE: Lentinus Edodes

Solidale italiano: era ora!

Minestra aromatica di zucchine




In evidenza